Fiuggi

Le oMCM20027rigini di Fiuggi si pensa possano ricondursi ad un villaggio, di nome Felcia, esistesse già all’epoca degli Ernici, la popolazione stanziata in quest’area del Lazio in epoca preromana.

Con l’inizio dellla dominazione romana, risalgono le prime attestazioni sulle proprietà delle acque locali di Fons Arilla.

L’abitato, anticamente, era situato nella campagna, ma, in seguito alle invasioni barbariche e quelle successive dei Saraceni, gli abitanti si trasferirono nella vicina collina, l’attuale centro storico.

Agli inizi del XII secolo, a seguito di una guerra sfortunata contro Guarcino e altri centri, l’antica Anticoli perse parte del suo territorio.

Nel XIII secolo Bonifacio VIII con l’acquisto di Torre Cajetani poté vantare diritti feudali anche sulla stessa Anticoli.

Con l’elezione a Papa di Alessandro VI Borgia il castello di Anticoli venne affidato al cardinale Ascanio Sforza e, successivamente, a Giovanni, figlio di Lucrezia Borgia.

È nel XVI secolo che i Colonna, entrarono in possesso del territorio di Anticoli e la mantennero fino al 1816.

Con l’inclusione del Lazio a provincia di Roma nel Regno d’Italia nel 1870 Anticoli, insieme a Trevi nel Lazio, Vico nel Lazio, Torre Cajetani, Trivigliano e Filettino del mandamento di Guarcino, uno dei 12 del circondario di Frosinone: tale ordinamento amministrativo durò fino al 1927, quando fu istituita la provincia di Frosinone; ed al nome Anticoli venne aggiunto il nome “di Campagna”.fonte-fiuggi

Nel 1911 ebbe inizio la valorizzazione delle proprietà curative delle acque, con l’inaugurazione della Fonte Bonifacio VIII; e nello stesso anno il nome di Anticoli di Campagna venne cambiato con Regio decreto del 9 agosto in Fiuggi.

Nel 1913 venne aperto il Grande Albergo Palazzo della Fonte, uno dei più prestigiosi d’Europa, che l’anno successivo avrebbe ospitato la famiglia reale

La cittadina divenne luogo di villeggiatura per molti notabili dell’epoca.

Nel 1916 fu inaugurata la Ferrovia Roma-Fiuggi-Alatri-Frosinone e questa infrastruttura contribuì a dare un notevole impulso al turismo nella città termale.

Sviluppo che ebbe un notevole incremento nel dopoguerra e che ha portato oggi la cittadina di Fiuggi Fiuggi ad avere, dopo Roma, il maggior numero di alberghi del Lazio, e ad essere uno dei centri termali più conosciuti d’Europa, con un notevole flusso turistico

Grazie a questa ricettività alberghiera Fiuggi viene spesso scelta come sede di congressi e manifestazioni culturali, sportive e politiche.

Fiore all’occhiello della cittadina sono i due parchi dedicati alla cura delle acque, la Fonte Bonifacio VIII interamente ristrutturata negli anni 70 e la Fonte Anticolana, entrambe immerse in un oasi di verde, dove potersi curare con le virtù delle acque minerali godendosi momenti di assoluto relax.

terme_anticolanaFiuggi oltre ad avere una notevole ricettività alberghiera, possiede numerosi negozi, bar ristoranti, che consentono di trascorrere piacevolmente il tempo libero anche al di fuori dei due parchi idropinici.

È inoltre ricca di impianti sportivi, tra di essi spicca sicuramente il campo da golf a 18 buche il Golf Club Fiuggi 1928, uno dei più antichi e prestigiosi in Italia nato nel 1928 e considerato dai golfisti non solo uno dei percorsi più impegnativi in Italia ma uno dei più belli anche dal punto di vista paesaggistico.

Ci sono ancora piscine, campi da tennis, un maneggio, ed un centro sportivo comunale di circa 17 ettari comprendente due campi di calcio, campi sportivi per calcetto, struttura coperta polivalente, servizi ausiliari, impianti per l’atletica, pista ciclo pedonale per allenamenti di circa 2 km, piscina olimpionica con tribune.

In conclusione Fiuggi è in grado di soddisfare le necessità di molteplici fasce di vacanzieri, da quelli che desiderano semplicemente riposo, a quelli che amano una vacanza più attiva.

 

1img3